RUBINA

dsc_7773

BIOGRAFIA E VITA.

Rubina Rovini nasce a Pisa il 3 ottobre 1981, da madre pugliese e padre toscano, dualismo regionale che spingerà Rubina ad amare la cucina tosco-pugliese che le proponevano con immensa passione madre e padre e che, inevitabilmente, segnerà la sua vita culinaria in maniera indelebile.
Fin da piccola, contemporaneamente agli studi, si dedica all’apprendimento della danza classica, attività che la terrà impegnata per ben 15 anni tra concorsi nazionali e, in seguito, l’insegnamento della disciplina stessa. “Grazia, precisione e rispetto”: questo è ciò che Rubina afferma di aver assorbito dalla pratica della danza, qualità imprescindibili per un’artista chef, madre e donna del suo calibro.
Nel 2000 si diploma in ragioneria con indirizzo informatico, trovandosi catapultata nel mondo della finanza come
responsabile ufficio titoli presso la Banca di Pisa; posizione lavorativa che, seppur appagante e stabile, ha sempre sofferto conscia del fatto che quella non fosse la sua vocazione.

La svolta arriva a maggio 2015 con la partecipazione a Masterchef Italia, quinta edizione. Concorrente agguerrita e temuta, spesso oggetto di critiche a causa della sua apparente sfrontatezza e della sua forte determinazione ma sicuramente stimata e ammirata. Sarà infatti la vincitrice morale di questa edizione. Chiuderà in maniera eclatante la sua partecipazione al talent con la frase “Vorrei amare attraverso il cibo”; poche parole, ma che rimangono ancor oggi nel cuore del pubblico e non solo.

Subito dopo la sua partecipazione al talent show più seguito in Italia e nel mondo, si aprono per Rubina le porte d’oro delle più rinomate cucine d’Italia; tra le più importanti ha condotto la brigata di cucina a Cala Sabina (Costa Smeralda), ha lavorato fianco a fianco con Antonio Canavacciuolo presso Villa Crespi ed è Testimonial 2017 per il Consorzio Mantovano del Melone IGP.

A maggio 2017 esce il suo primo libro “SI SALVI CHI CUCINA!”, edito da Centauria in collaborazione con Studio 09.

Rubina è attualmente attiva come Personal Chef in eventi privati ed aziendali, showcooking, collaborazioni e consulenze. Sui social vanta circa 60.000 followers su Facebook e 45.000 su Instagram.
Genuina e determinata, lavoratrice instancabile, eclettica ed innovativa.
E’ inoltre, una madre affettuosa e presente nella vita del piccolo Vittorio, il suo Grande
Amore.

CURIOSITA’

Il nome “Rubina” è stato scelto dal padre, architetto attivo sia in Italia che all’estero. Un papà sempre molto impegnato, grande sportivo, esteta per antonomasia e amatissimo dalla figlia. Quando la moglie rimase incinta era al servizio di Panatta, storico tennista, a sua volta padre di una figlia di nome Rubina.
La collaborazione tra i due rimane così incisa nel tempo: dando lo stesso nome alle figlie.